Shopping libresco di maggio, i consigli radical della gatta

Avevo detto che si sarebbe ricominciata la buona pratica di consigliare libri alla gente e mantengo la promessa, senza la pretesa di riacchiappare proprio tutti i lettori che mi sono persa nel corso della mia latitanza. Insomma, erano cinque, adesso siete in due, una è mia mamma e l’altra è mia zia. A proposito, ciao mamma, ciao zia! 

Comunque sia, è maggio e comincia la voglia di andarsene a passare il tempo in posti freschi e poco affollati. Io, in questo periodo, vengo particolarmente attratta dai parchi dove cerco di passare la maggior parte del mio tempo libero. In realtà è il mio primo maggio a Roma, quindi ancora non so bene come muovermi. I parchi qui non mancano, ma Ostia è vicina e lì c’è il mare. Che sia mare o giardino, divano o tinello, quello che comunque non dovrebbe mancare per una buona pausa dal lavoro e dallo studio è un buon libro. 

Per maggio ne ho individuati due, un mattone e un romanzo noir che scende rapido. Entrambi li ho letti un po’ di tempo fa, ma ricordo che mi sono piaciuti moltissimo, quindi se non sapete cosa comprare alla Feltrinelli seguitemi qua.

le perle del drago verdeLe perle del drago verde, Lisa See. Questo è il mattone. La storia parla di una ragazza cresciuta negli Stati Uniti che ad un certo punto decide di indagare meglio sulle proprie origini orientali. Alcune scoperte la portano direttamente in Cina dove ritrova il padre e un regime maoista che inizialmente la affascina moltissimo. Inizia quindi la sua nuova vita in una comune, dove tutto andrà bene finché andrà bene, ma il lato negativo di un regime politico non tarderà a rivelarsi. Se nella prima parte del libro predomina la ricerca personale della protagonista e una sequela di momenti di riflessione profonda, nella seconda parte preparate fazzoletti di carta e fatevi crescere un bel po’ di pelo sullo stomaco. Lisa See non risparmia niente nelle descrizioni delle situazioni, non le importa che sia troppo crudo, lei scrive e tu lettore sei costretto a leggere. La penna della See ha la capacità di tenerti inchiodato anche contro la tua volontà, anche quando pensi sia troppo, anche quando credi che il limite si sia passato. Non è volgare, ma sicuramente non viene indorata alcuna pillola, viene somministrata amara e viene anche fatta assaporare per bene. Come dicevo prima, è un mattone vero, un mattone scritto bene che scorre tranquillamente, ma non è una lettura leggera. Sicuramente è uno di quei libri che quando si terminano poi non si dimenticano facilmente.

una stagione selvaggiaUna stagione selvaggiaJoe R. Lansdale. Questo è il romanzo noir, per esclusione. Questo libro mi è capitato per le mani casualmente, l’ho trovato in stazione a Verona e fa parte del giro del bookcrossing (se non sai cosa sia il bookcrossing clicca qui) e me lo sono letto nel tragitto Verona – Garda e ritorno. Sono 200 paginette che scendono rapide, ma che pigliano un sacco. La storia è super pulp: soldi, pallottole, ricatti e morti ammazzati. La situazione si instaura rapidamente ed i personaggi sono presentati uno dopo l’altro esattamente come se fosse la sigla di una serie tv. Questo libro è perfetto per calarsi in una situazione surreale quasi alla Tarantino maniera, va preso così, senza farsi troppe domande. Consigliatissimo soprattutto ai lettori meno accaniti, a quelli che fanno fatica ad appassionarsi ad un libro. La storia infatti ha un potere molto catalizzante, magnetico, quindi favorisce coloro che generalmente lasciano i libri a metà perché si annoiano. Secondo me è uno di quei romanzi adatti ad avvicinare alla lettura le persone che credono di non riuscire ad appassionarsi a nulla che non abbia immagini in movimento. Ma va bene anche per chi legge dodici libri alla settimana, soprattutto se ogni tanto si sente il bisogno di qualcosa di diverso. 

Ecco fatto, quindi per maggio siamo a posto così. Se per caso fate parte di quei quattro parenti che mi seguono e vi venisse voglia di leggere quanto consigliato in questo post fatemelo sapere, così almeno potremo parlarne fittissimo davanti ad un caffè. Se vi piacciono le mie chiacchiere deliranti potete tranquillamente condividerle con i vostri amici, in caso vi non vi piacesse nulla di me, fatevi gli affari vostri! 

Si scherza.

Buon lunedì e buona settimana!

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...