Le 10 cose che solo chi ama leggere può capire

 

26553332_10215829769444275_174087537_nALESSIA PELLEGRINI per la rubrica #IncursioniLibere

 Studentessa di lettere per formazione, sognatrice per passione. Potrei dire che la scrittura non può fare a meno di me, ma la realtà è che io non posso fare a meno di lei!


10 cose che solo chi ama leggere può capire: l’emozione di quando sfogli le prime pagine, il momento in cui ti immergi nell’appetitosa fragranza della storia.
Quando inizi il libro, quando lo vivi e quando lo chiudi, ma mai veramente con-cludi, perché quella storia è ormai entrata in te e ci rimarrà per sempre, indelebile.

Questi e tanti altri delicati piaceri che solo chi ama leggere può capire.

1) Quando apri il libro e d’improvviso, nell’ordine:

  • ti luccicano gli occhi come davanti a un bel piatto fumante di lasagne al forno

  • lo maneggi con attenzione estrema, saggiandone la copertina -liscia, ruvida, virtuale- con i polpastrelli

  • lo apri e tiri un’avida sniffata dell’odore di “libro nuovo” o dell’impareggiabile odore “di libro antico”

2) Quando leggi un capitolo o frase meravigliosi, che d’improvviso creano un legame semplice e chiaro col groviglio inestricabile delle tue emozioni. Ed ecco che pensi: “Questo libro è stato scritto per ME”.

3) Quando muori di fame, ma rinvii di un altro quarto d’ora la cena, per leggere ancora un capitolo.

4) Al contrario: quando mancano poche pagine alla fine del libro, ma lo lasci ancora un po’ quieto sul tuo comodino. Indugi. Perché terminare un libro è un po’ come tornare a casa dopo un lungo viaggio: sei felice e insieme nostalgico, e sai che le emozioni provate la prima volta non potranno mai tornare.

5) Il“Meno male che ci sei tu” rivolto non ad amici, innamorati o parenti, ma al tuo libro che ti aspetta quando rientri a casa, dopo una giornata sfinente.

coffee-3025022.jpg

6) Come si possa diventare coraggiosi, ironici, intraprendenti e perfino malandrini, solo immedesimandoci nel carattere del protagonista.

7) Il rammarico di non trovare mai, nel mondo reale, persone così interessanti, singolari, uniche e vere, come i nostri personaggi preferiti.

8) Il momento dell’illuminazione: quando capisci un senso nascosto nelle parole di un personaggio, o un dettaglio descritto fugacemente, oppure quando ti appare chiaro il significato profondo del titolo.

9) Quando rispondi per le rime con la tagliente citazione del tuo romanzo preferito, ma i non-lettori non capisco e non colgono la lieve nota di amara ironia che la accompagna.

10) La sensazione di curiosità, paura, aspettativa che si crea poco alla volta, mano a mano che la lettura prosegue e la trama ti coinvolge nella sua avventura emozionante.

Perché è sempre bello, anche se un po’ pericoloso, addentrarsi nella giungla di emozioni e sensazioni della lettura.

Segui Alessia anche su Facebook 

 

3 commenti

    1. Io penso che dipenda dai periodi, non sono io l’autrice del post però credo che alle volte ci siano momenti un po’ più bui e un libro può aiutare!

      "Mi piace"

  1. Hai ragione Emanuele, forse visto in quest’ottica il punto 7 può sembrare troppo pessimista. Quello che intendevo esprimere è che non sempre è facile trovare nella vita reale persone con caratteri così affascinanti e singolari come quelli degli eroi/eroine dei romanzi! 🙂

    "Mi piace"

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...