Cosa scrivere su Facebook? Sette cose da tenere in considerazione

Nel corso del mio tempo speso su Facebook ho imparato tante lezioni (molte a spese mie) e per questa ragione ho deciso di condividere con voi le sette cose che secondo me si devono tenere in considerazione quando si utilizza Facebook con un profilo personale (non aziendale).

  1. Non postare foto di bambini nudi, seminudi o in situazioni imbarazzanti (cambio pannolino, lacrime inconsolabili, capricci…). Il motivo non è difficile da intuire, ma nel caso in cui ci fosse qualcosa da chiarire sappiate che sono stata molto esaustiva qui. Inutile, comunque, postare foto con i volti coperti da imbarazzanti emoticon. Lasciate perdere, evitate e basta. Capiamoci, non sono contro le fotografie dei bambini in rete, sono contro la pubblicazione scellerata senza senso.
  2. Prima di scrivere, pensa. Un’altra banalità? Non direi proprio. Sappi che sei responsabile di quello che scrivi, anche penalmente. Dici una bugia che infama qualcuno? Ne sei legalmente responsabile. Appelli una persona con parole offensive con l’intento di denigrarla pubblicamente? Ne sei legalmente responsabile. Dichiari di aver commesso un reato? Sei anche un coglione. Se ti sembra una cosa assurda, leggi quest’incredibile storia.
  3. Non essere forzatamente cinico e stronzo, è passato di moda. I post rabbiosi in cui si prendono per il culo le persone (celebrando indirettamente la propria superiorità intellettuale) sono out. Ne siamo stati tutti autori almeno una volta, ma la figuretta dell’intellettualoide che guarda tutti dal piano superiore ha rotto un po’ le palle (oltre a essere oramai palesemente molto finta). Se vengono in mente solo cose brutte e acide da scrivere, allora è meglio non scrivere niente.
  4. Non condividere stronzate. Facebook è un posto in cui si può parlare di tutto, fortunatamente, ma c’è modo e modo. Parlare di politica è bello, così come esprimere opinioni in campo musicale, cinematografico e letterario, ma cerca sempre di farlo con cognizione di causa. Se vedi una notiziona incredibile… probabilmente è una fake news e se la condividi contribuisci alla disinformazione. Numeri e dati scritti a caso su immagini rubate da Google, con grande probabilità sono bufale e le puoi verificare subito su un qualsiasi motore di ricerca. Ma anche su alcuni siti molto aggiornati che se ne occupano quasi in tempo reale.
  5. Se devi dire qualcosa a qualcuno usa un messaggio privato o chiamalo. I messaggi apparentemente casuali con riferimenti precisi sono oramai trapassato remoto. Oltre a essere un modo un po’ adolescenziale di usare una bacheca pubblica, in realtà è anche un po’ patetico quando a farlo è un adulto. E sempre in realtà rimangono solo loro a farlo, visto che gli adolescenti Facebook non se lo cagano manco per sbaglio.
  6. Pubblica le cose che ti piacciono (e sbattitene le palle di chi ti prende per il culo). Pubblica ciò che ti interessa e ti caratterizza: che sia una canzone, un articolo dell’Internazionale, un’immagine figa, un locale dove hai cenato… Parla di cose belle e lascia le tue questioni personali fuori. Perché? Perché se sei una persona sensibile è meglio non appendere certi sentimenti in piazza. Valuta tu cosa sia delicato e cosa invece no, ma ricordati che una volta che l’avrai pubblicato sarà di dominio pubblico. Io, per esempio, non comunico mai di essere triste per qualcosa. La tristezza per me è diventata nel tempo una questione molto personale e ho deciso non lasciarla trapelare più attraverso i social network.
  7. La regola aurea: non scrivere post dove ti lamenti di ciò che gli altri scrivono nei loro post solo perché tu ritieni l’argomento in qualche modo inadatto a Facebook. Non ci sono argomenti di cui non si possa parlare, grazie alla libertà di parola, e se qualcuno ti infastidisce con dei contenuti che non ti piacciono … nascondi l’utente dalla tua bacheca e non rompere le palle.

Ma prima di tutto ricorda: proteggi i tuoi bambini e tienili fuori da questa giungla pericolosa.

 

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...