Lisìstrata Offline o Castità | TEATRO ROMA

Ragazzi, ci prendiamo un po’ di spazio per farvi conoscere uno spettacolo esilarante messo in scena dagli amici della Compagnia Teatrale La Corda e la Tela: se siete a Roma dall’8 ottobre … non potete perdervelo!

L’OMS ha catalogato nel 2017 la dipendenza da gioco virtuale come una questione di salute mentale. In questo libero adattamento, la moderna Lisistrata vede la sua vita e quella delle sue amiche stravolta da questa apparentemente innocua malattia che ha colpito i loro mariti. Decide allora di risolvere la faccenda ripercorrendo i passi della sua diretta antenata.

Siamo a Roma e gli uomini si stanno facendo prendere la mano da un gioco di ruolo che li vede impegnati in una guerra senza fine apparente tra Roma Nord e Roma Sud. Le donne, oramai tentate tutte le alternative, decidono di dare un giro di vite alla vita sessuale delle coppie unendo tutte le loro voci in un grido: “Offline o Castità!”.

Le informazioni per lo spettacolo

Teatro Lo Spazio, Via Locri 42/44 RM Info e prenotazioni (anche SMS o whatsapp) 
3394719840-331 4184620 produzione La Corda e La Tela

LIVE Dal 8 ottobre al 13, orari spettacoli:
Da Lunedì a Sabato ore 20:30
Domenica 13 ore 17:00

INGRESSO: è richiesta la prenotazione
Singoli 10,00 € + tessera associativa del teatro 
Gruppi di minimo 5 persone 8,00 € + tessera associativa del teatro
Bambini fino a 10 anni 5,00 €

Evento Facebook: raggiungilo con un click

Cogliamo l’occasione per spedire tantissima merda ai nostri amici, in particolare a Michela, ad Andrea e a Severino Bof, nella piena certezza che anche questa volta, ad aspettarli, ci sarà un pubblico caldo ed entusiasta!

MERDA MERDA MERDA!

Teatro per bambini a Centocelle

A Centocelle inizia un nuovo corso di teatro per bambini, organizzato e condotto da Giuditta Pagano.

Fare teatro significa imparare cose nuove, divertirsi, emozionarsi e conoscere nuovi amici. E se lo dicono i bambini, c’è da crederci!

❗CORSI IN PARTENZA A SETTEMBRE 2019❗

LUNEDÌ: 11/13 anni. Dalle 15.30 alle 17.00 + 6/10 anni. Dalle 17.00 alle 18.30 presso il TEATRO FRANCESCA ROMANI COLUZZI, zona Monte Mario

MARTEDÌ: 10/13 anni dalle 16.30 alle 17.30 + 6/10 anni dalle 17.30 alle 18.30 presso il TEATRO SAN GIULIANO, zona Cassia

MERCOLEDÌ: 11/13 anni dalle 16 alle 17 +
6/10 anni dalle 17 alle 18 presso il TEATRO UGO BETTI, zona Prati

VENERDÌ: 11/13 anni dalle 16 alle 17 + 6/10 anni dalle 17 alle 18 presso il CENTRO CULTURALE LEPETIT, zona Centocelle-Tor tre teste

Per informazioni: invia un messaggio e scopriremo insieme il mondo del teatro attraverso giochi di movimento, improvvisazioni, esercizi sulla gestione delle emozioni e letture.

Cosa serve per fare teatro?

Per fare teatro bastano due cose: una persona che abbia qualcosa da raccontare e un’altra che abbia voglia di ascoltare. Non esiste teatro senza ascolto, rispetto, fiducia e attenzione nei confronti dell’altro. Nei laboratori di Giuditta si impara ad ascoltare gli altri: con esercizi silenziosi, ma pieni di dialoghi, con le battute dello spettacolo e con le improvvisazioni. Tutto, in un grande scambio tra ascoltare ed essere ascoltati.

Manda un WhatsApp 3331276602

Le tre cose da non dire MAI a una donna incinta

La pesantezza di certe affermazioni la si comprende solamente quando si diventa il referente. Forse è l’unico caso in cui ci si può arrogare il diritto di dire “non sei incinta, non puoi capire”, anche se fortunatamente alcune persone intelligenti ci arrivano anche senza ripieno nell’utero.

Essere incinta è una cosa stupenda e allo stesso tempo terribile, quindi togliamo l’ipocrisia dal tema e arriviamo al sodo: essere incinta alle volte fa proprio schifo. Non si dorme bene, fa sempre male la schiena, ci si ritrova gambe e mani altrui incastrati nel costato, si vomita, non si fa la cacca oppure se ne fa troppa, i piedi si gonfiano e si devono fare sempre centinaia di esami del sangue. Se a tutto questo vogliamo aggiungere le trovate “da bestemmia” di certe persone che si prendono il diritto di dare consigli non richiesti, ecco che la ricetta dell’omicidio perfetto prende forma con tanto di attenuanti e scarcerazione anticipata per buona condotta. Ma vediamo insieme quali sono le frasi da evitare e gli atteggiamenti da mettere al bando quando la propria amica rimane incinta, così magari evitiamo qualche morto evitabile.

1 – «Sei nervosa lo capisco, gli ormoni»

No. No. No. Praticamente è l’equivalente del «Hai le tue cose?» è la stessa identica cosa. Non vogliamo essere comprese, preferiamo che non ci facciate girare i coglioni. Attribuire tutti i nostri scazzi, i nostri fastidi, il nostro disappunto alla questione ormonale è scorretto e soprattutto è un atteggiamento che mira a screditare una nostra legittima posizione su qualcosa. Liquidare una discussione con un “Sei incinta, sei nervosa” è proprio un comportamento sbagliato. Probabilmente è vero che i nostri modi risentano in modo importante dal nostro flusso ormonale, ma a volte avete torto voi anche se noi siamo incinta o abbiamo le mestruazioni. Altrimenti ci obbligate a nascondere le gravidanza fino al 100000 mese, a non dire apertamente che abbiamo le mestruazioni o a non confessare che stiamo passando un momento difficile in casa. Questo comportamento è da stronzi e non è per niente da amici.

2 – «Sei incinta, non dovresti… »

… fare questo, mangiare quello, andare lì e via dicendo. Esiste una persona che ci aiuta a capire cosa possiamo o non possiamo fare sulla base del nostro stato di salute e questa persona è il nostro ginecologo. Ah e il classico “Lo dico per il tuo bene” ve lo potete tranquillamente tenere tra i denti perché non siete voi che dovete occuparvi del nostro bene, ma è il nostro medico. Fatevelo spiegare con un’immagine, così non mi costringerete ad essere volgare.

3 – «Inutile che fai programmi, poi quando nasce sarà tutto diverso»

Ma se una donna incinta si sente tranquilla cercando di pianificare tutto anche in maniera capillare, perché dovete per forza farle notare che la sua vita da questo momento in poi sarà completamente “impianificabile” e che tutto andrà esattamente all’opposto di come lei vorrebbe? Ma chi vi dà il diritto di essere così maledettamente stronzi? Lo sappiamo benissimo che la nostra vita non sarà più quella di prima e proprio per questo, alcune di noi sentono il bisogno di cercare di dare un senso anche solo teorico ai prossimi mesi a venire. Soprattutto le ragazze che lavorano e che amano il proprio lavoro e che vorrebbero tornare in ufficio il prima possibile: tipo me. Sì, ho scelto una tata, mi sto organizzando per capire come allattare bene, ma non oltre il terzo/quarto mese, abbiamo scelto una programmazione di genitorialità paritaria e intercambiabile in modo tale che Claudio possa sostituirmi in qualsiasi momento e per qualsiasi lasso di tempo. Inutile che mi guardate con quella faccia da “Seh seh poi voglio vedere come ti stacchi dal bambino”, mi fate solo rabbia e mi viene voglia di spaccarvi il cranio contro al muro (rileggete ADESSO il punto uno, subito). Non lo so come farò a tornare a lavoro dopo tre mesi, non so se effettivamente ci riuscirò, ma l’obiettivo è farlo e quindi non accetto che mi veniate a dare i pronostici secondo le vostre altissime esperienze. Se non riuscirò nei miei intenti, amen. Saranno problemi miei, di certo non vostri.

Queste sono le tre cose più brutte che ti senti dire quando sei incinta e nonostante siano “a fin di bene” hanno il grande potere di farti girare il cazzo a livelli folli. Ma ce ne sono molte altre e alcune sono altrettanto fastidiose, le avevo già intercettate nel primo trimestre e ve le avevo proposte in questo articolo. Altre, invece, vanno in parallelo a queste e non si discostano dal concetto già espresso, quindi risulta inutile andare a elencarle.

La cosa importante è che voi non vi dimentichiate di noi. Non serve darci lezioni di vita o consigli medici, serve che siate presenti e che ci ricordiate – di tanto in tanto – che non siamo diventate delle incubatrici organiche prive di identità, abbiamo bisogno che ci diate conferma che nulla di noi è cambiato.

Essere incinta è difficile perché lo so che niente sarà più come prima, so perfettamente che la mia vita non sarà più quella di una volta, so perfettamente che ci sarà un cucciolo d’uomo che dipenderà da me e da Claudio e che ci chiamerà – con estrema fede – mamma e papà. Quello che non so è se riuscirò a tornare a lavoro come vorrei a tre mesi dalla nascita, non so se riuscirò lasciarlo tra le braccia di Tata Camilla per dedicarmi a un’ora di palestra, a una serata con Claudio o a una bevuta con le amiche. Io queste cose le posso solo sperare, posso solo provare a organizzarmi per fare in modo di riuscire quantomeno a tentare. Ho bisogno di credere che tornerò al mio amato lavoro il prima possibile, ho bisogno di credere che dopo 3/4 mesi al massimo riuscirò a concludere l’allattamento, ho bisogno di sapere che quando tutto questo succederà ci saranno lì i miei amici e i miei colleghi ad aspettarmi. Disilludermi con sorrisetti a mezza bocca è da stronzi e lo potete evitare.

Volevo scrivere un articolo divertente, ma questo è uno di quei giorni in cui io non vorrei essere incinta. Vorrei solamente uscire con Claudio, bere fino a sfondarci l’anima per poi tornare a casa limonando come adolescenti sul notturno alle quattro di mattina. Non riesco a non sentire la mancanza di queste cose in virtù del fatto che dentro di me c’è Cotoletta; io amo il nostro bambino, ma amavo anche la mia vita prima che lui prendesse in affitto il mio utero. E mi sento anche in colpa per questa mancanza, però ho scelto di essere onesta e non fingerò d’essere la super mamma che non sono e non sarò mai.

Volevo farvi ridere e invece mi sono solo sfogata un po’, mi dispiace. Spero però di aver aiutato tutte le amiche delle ragazze incinta, così che possano capire in che modo ci si possa rendere utili senza dare l’impressione di voler insegnare qualcosa. Basta una telefonata che inizi con “Hey ciao, oh non puoi capì che m’è successo …” piuttosto che una telefonata che inizi per “Ciao, come va la pancia?”.

Ma si tromba in gravidanza? Dal krav maga al curling

La domanda più frequente che la gente mi fa a bassa voce e di nascosto è: “Ma si tromba in gravidanzaaaaa?!?” Sì, tranquilli tutti, la risposta è sì. In gravidanza si tromba e con un po’ di attenzioni si riesce anche a mettere insieme qualcosa di decente.

Per prima cosa chiariamo un punto: a meno che non ci siano problemi alla placenta e dintorni, il medico consiglia di mantenere attiva la vita sessuale. Pare faccia bene al feto, alla mamma e – grazie letteralmente al cazzo – pure al papà. Ma i nove mesi si affrontano tutti allo stesso modo? No, scordatevelo, se volete avventurarvi nel magico mondo del sesso in gravidanza dovete armarvi di due cose: santa pazienza e creatività.

Il primo trimestre

Durante i primi tre mesi praticamente non c’è pancia, quindi per il momento ancora non risulta complicato l’incastro. A minare il percorso verso il tanto desiderato orgasmo, però, ci potrebbero essere fastidi noiosi e poco risolvibili come la nausea, la stanchezza cronica e i pianti improvvisi. Immaginatevi di correre gli ultimi cento metri che vi separano dall’apice dell’evento parossistico e all’improvviso vi fermate a soffovomitpiangesvenire direttamente sul corpo sudato e trionfante del vostro compagno. Sì, può effettivamente capitare di tutto, il movimento sussultorio potrebbe stimolare il riproporsi della colazione, del pranzo e della cena di due giorni prima. La visione di un ricciolino particolarmente bello del vostro compagno potrebbe farvi scoppiare in un pianto commosso inconsolabile. Il sonno potrebbe sopraggiungere nemmeno a metà della corsa e non voglio entrare nel merito della flatulenza (oh sì, i primi mesi si scoreggia che è un piacere, in cambio non si fa più la cacca). Ma nonostante tutto questo, con un po’ di complicità e comprensione, si riesce a fare praticamente tutto: date parecchio spazio al sesso orale, è un consiglio da amica. E se non l’avete mai fatto iniziate a prendere “la mano” con la masturbazione, vi servirà più avanti.

Il secondo trimestre

Siete pronti alle rocambolesche avventure di una coppia alle prese con le acrobazie olimpiche? Già, a questo punto si comincia a percepire un terzo incomodo: la pancia. Non è ancora un pancione enorme, ma non ci si può più appoggiare sopra, quindi le posizioni vanno a modificarsi e ogni coppia può – con un po’ di sperimentazione creativa – trovare la propria. Normalmente si consiglia alla donna di stare sopra, ma la mia percezione di pesare il triplo non mi faceva stare a mio agio. Sì, perché nel frattempo le forme della femmina cambiano e non è detto che lei stia prendendo bene la cosa: io l’ho presa letteralmente malissimo. Il seno è più grosso, vero, ma è anche fastidioso se stimolato nell’area del capezzolo, i fianchi sono morbidi e gentili, ma non a tutte questo cambiamento può andare benissimo e le gambe sexy possono diventare improvvisamente burro e buccia d’arancia. Per quanto il nostro uomo ci possa dire che siamo sempre bellissime (per alcuni ancor di più) non è detto che il pensiero sia condiviso. Quindi, se nel primo trimestre si doveva lottare con una serie di fastidi fisici, nel secondo trimestre si aggiungono disagi di ordine psicologico. Ogni coppia dovrebbe trovare il proprio modo per parlarne e superarli, noi l’abbiamo buttata in caciara e piano piano abbiamo superato la fase. Per quanto riguarda dei piccoli aiuti: luci soffuse, coperte e lenzuola, massaggi prolungati e il buon sesso orale possono essere validissimi alleati. Ah, consiglio l’olio di mandorle de I Provenzali. Là sotto non è detto che il corpo risponda con un’adeguata lubrificazione, l’impianto idraulico infatti sembra un po’ confuso e tende a fare capricci. L’ingresso un po’ si restringe e non è sempre sempre collaborativo, onde evitare di dover chiamare una squadra SWAT per sfondare (che comunque sarebbe poco indicato per molte altre ragioni) vi conviene aiutare l’ingresso con qualche lubrificante. Yoga e Pilates, comunque, possono aiutare la scelta della dinamica del rapporto, ma per quanto il tutto possa essere molto piacevole, mi auguro che nel tempo abbiate sviluppato un gusto particolare per il sesso lento, delicato, dolce e misurato: avete presente le chiavate pazzesche dove si partiva in camera e ci si ritrovava in cucina con il letto? Ecco, per un pochino mettete le da parte. Diciamo che si passa dal krav maga al curling, ma non è detto che il curling non sia appagante quanto il primo. Basta trovare la quadra.

Il terzo trimestre

Gioie e dolori! Più dolori che gioie, ma noi cerchiamo sempre di vedere il lato positivo della cosa, dico bene? Sì. Allora, a questo punto le donne hanno una pancia gigantesca e non solo: la pancia si muove e il piccolo comincia a reagire alle situazioni esterne. Di conseguenza anche quando si è in due, ora non si può più ignorare la terza presenza. Il bambino sente che la mamma e il papà fanno sesso? No. Primo perché, ovviamente, ancora non ha percezione di cosa sia il sesso e secondo perché per quanto possa essere onorevole il pene del vostro compagno, questo non arriverà mai lassù in cima. Quindi, salvo indicazioni precise del medico, anche a questo punto si può fare sesso con serenità. Circa. Insomma, la serenità è una cosa che va conquistata. Per le posizioni oramai avrete preso confidenza già nel secondo trimestre, quindi più o meno sapete cosa funziona e cosa invece no. Con i blocchi psicologici già dovreste aver fatto amicizia, perciò in questa fase non resta che il problema delle dimensioni e del peso. Rotolarsi, girarsi, spostarsi è sempre più complicato e a volte il mal di schiena, i piedi gonfi e il mal di collo non sono alleati, ma tutt’altro. Ed è qui che entrano in gioco due elementi che vi ho detto di tenere “in caldo” già dall’inizio di questo post: il sesso orale e la masturbazione. Per quanto riguarda il sesso orale possiamo dire, con una certa sicurezza, che la posizione chiamata Sessantanove risolve quasi ogni problema. Intanto si elimina la penetrazione che in questa fase potrebbe non essere sempre piacevole (l’ingresso è sempre più in disappunto quando gli si chiede di collaborare) e permette alla donna di stare comoda comoda sul fianco (mi raccomando sempre il sinistro) senza doversi improvvisare in rotolamenti poco comodi. La masturbazione, invece, viene in soccorso nei momenti solitari in cui le fantasie si fanno sentire in maniera prepotente. Non so bene, infatti, se questa cosa riguardi solo me o sia una cosa diffusa, ma entrata nell’ottavo mese ho iniziato a sentir il bisogno più frequente di fare snu snu. Soprattutto la mattina. In ogni caso, consiglio personale e spassionato, un bell’orgasmo auto indotto prima del caffè è un ottimo modo per affrontare una giornata intera fatta di caviglie gonfie e divinità volanti chiamate in causa.

E questo, cari amici e care amiche, è più o meno tutto quello che abbiamo sperimentato io e Claudio circa il sesso in gravidanza.

Purtroppo non è così semplice e non è sempre così divertente, ci sono momenti in cui viene da piangere e ci si chiede se mai tutto tornerà com’era prima. Inoltre, non dimenticatevi che questo malessere potrebbe persino farvi sentire in colpa, come se foste delle brutte egoiste che pensano solo al loro piacere e non al piccolo miracolo della vita che hanno nell’utero. Prendete fiato e calmatevi: aver paura di non riavere indietro la propria vita sessuale è normalissimo e dispiacersene è altrettanto normale. Il senso di colpa è una reazione del nostro cervello e dei nostri ormoni, un po’ legata all’ambiente e un po’ legata alla chimica. Io non posso dirvi, ad oggi, quante cose cambieranno dopo la nascita del bambino, ma so che ovviamente qualcosa non sarà più come prima. Sarà diverso, sarà da ricalibrare, sarà bello comunque perché se la coppia funziona, ogni cambiamento è una sfida che stimola la creatività.

Solo un’ultima cosa …

Non smettete mai di parlarvi, non tenetevi nascoste le cose e datevi tempo. La fretta, i silenzi e i segreti non sono amici di questa fase delicatissima della vita di una coppia. Meglio una litigata in più che una cosa non detta e nascosta sotto silenzi imbarazzanti.

Come eliminare per sempre le bottiglie di plastica: Luigi consegna a casa!

Ci stiamo impegnando a ridurre l’utilizzo della plastica, consapevoli del fatto che per ottenere un vero risultato l’industria dovrebbe smettere di produrla. Ho già spiegato, in maniera molto polemica e dettagliata, come la penso sul movimento guidato da Greta T. in caso vogliate recuperare il mio pensiero lo trovate scavando indietro di qualche articolo, oppure servendovi di questo comodissimo collegamento.

Siamo ancora in fase di lavorazione per quanto riguarda i prodotti da bagno, attualmente sono legata a delle marche che purtroppo non stanno collaborando. Perciò, tristemente, per quanto riguarda shampoo, balsamo e docciaschiuma ancora ci stiamo lavorando. Invece, per le mani e l’igiene intima, abbiamo riscoperto il piacere di utilizzare delle saponette. Quali? Queste. Al prossimo passaggio di spazzolino, comunque, andremo sullo stilosissimo bamboo che va tanto di moda adesso. Cambierà qualcosa per il pianeta? Assolutamente no, ma credo che sia comunque importante metterci del proprio dove possibile.

Nel frattempo, comunque, abbiamo fatto orgogliosamente un altro piccolo passo e abbiamo eliminato le bottiglie d’acqua di plastica. Non è stato semplice e abbiamo fatto qualche tentativo andato fallito; brevemente un po’ di storytelling in arrivo!

L’acqua del rubinetto di casa mia, purtroppo, fa schifo. Non so spiegarvi il motivo, ha un sapore odioso di disinfettante e non si riesce a coprire in nessun modo, nemmeno con il tè solubile. Abbiamo quindi acquistato dell’acqua in bottiglia di vetro al supermercato e conservando le bottiglie andavamo, con tanta pazienza e troppo pesaculismo, a riempirle al nasone vicino casa. L’acqua dei nasoni di Roma è buonissima e sempre meravigliosamente fresca. Il problema sorgeva sull’andare fisicamente a riempire le bottiglie: siamo due pigri senza speranza. Così, di notte, rimanevo spesso senza acqua e l’idea di bere quella del rubinetto mi faceva passare la sete. Risultato? Più di una volta abbiamo ceduto all’acquisto rapido di acqua in bottiglia di plastica dal fruttivendolo aperto h24/7su7 qui fuori casa.

MALE MALE MALE

Poi, all’improvviso, la soluzione. Una soluzione talmente tanto stupida che quasi ci siamo vergognati come cani a non averla presa in considerazione subito. L’acqua, volendo, te la portano a domicilio: sì, in bottiglie di vetro con vuoto a rendere gratuito. Così ho chiamato Luigi, un signore che consegna l’acqua a domicilio a Centocelle da quarant’anni e ho chiesto informazioni sui costi e sui tempi. Il giorno dopo avevo l’acqua: 48 bottiglie di vetro di acqua Egeria a 24 €, vuoto a rendere gratuito.

Il problema è stato risolto, abbiamo acqua per un mese intero e abbiamo stoccato le casse nel nostro sottoscala. L’unica fatica che si deve fare ora è quella di andare appunto nel sottoscala a prendere le bottiglie per metterle in frigorifero. L’altra fatica necessaria, se dobbiamo proprio dirlo, è quella di andare a risistemare nelle casse i vuoti, Luigi se li verrà a prendere con la consegna successiva. Non ci sono vincoli di tempo, si paga lì per lì e viene emessa regolare fattura. Tutto rapido, veloce e soprattutto 100% plastic free.

Se anche tu abiti a Centocelle o limitrofi e vuoi chiamare l’amico Luigi, ecco il numero di telefono: 3935094564. Ha tante marche diverse di acqua, io ho scelto Egeria perché piace a me, ma chiedere per sapere il resto!

Cerchi palloncini e allestimento feste a Centocelle? Peter Pan Party è la soluzione

Devi organizzare una festa a tema e non sai che pesci pigliare? Peter Pan Party mette a disposizione tutto ciò che serve per permetterti di festeggiare serenamente senza pensieri! Dal catering, passando per mille palloncini colorati, alla gestione dell’evento: mettiti comodo e gustati la tua festa!

Ci siamo trovati senza una location all’ultimo minuto, non sapevamo più che fare e stavamo per mandare a monte tutti i nostri progetti per il Baby Shower di Cotoletta … ma poi è arrivata Anna in aiuto e ci ha restituito ciò che ci sembrava perduto completamente. Anna è diventata così la nostra Party Planner ufficiale per il Waiting For Cotoletta tanto desiderato: in mezza giornata ha risolto il problema della location e nell’altra metà ha recuperato tutto ciò che serviva per allestire la festa in quattro e quattr’otto. Non abbiamo mai visto lavorare una persona sulla deadline con tanta passione, precisione ed entusiasmo: ne siamo rimasti completamente affascinati.

La location

Non solo Anna ha risolto il problema, ma ha avverato un nostro sogno: avere un parco gonfiabili tutto per noi per un pomeriggio. Il nostro desiderio era quello di tornare bambini insieme alla famiglia e gli amici, lei lo ha reso realtà. Il parco PlayLand è stato a nostro uso esclusivo dalle 16 alle 20, così da poter utilizzare tutti i giochi gonfiabili in sicurezza, sotto la guida di … un adulto più adulto di noi. Siamo stati anche sgridati un paio di volte, la situazione tendeva a scapparci di mano. Inutile dirlo, ci siamo divertiti come dei matti.

L’allestimento e il catering del party

Il tema, come già vi avevamo raccontato era centrato sulla vacanza hawaiana: che dire… Anna ha allestito tutto alla perfezione, rendendo un ambiente giocoso, leggero e divertente adatto persino ai più esigenti. C’erano i palloncini, c’erano le foglie di palma, ci stavano i fenicotteri rosa (e azzurri!!!) e c’erano fiori ovunque. Penso che dalle fotografie sia piuttosto chiaro come non le sia sfuggito assolutamente nulla e come noi ne abbiamo saputo approfittare alla grande. Essendo questo evento una festa pomeridiana, Anna ha organizzato un catering misto dolce e salato, perfetto persino per i miei ospiti con mille intolleranze e allergie (è stata molto attenta e precisa, affidabile al 100%). Pizzette, tramezzini, frutta, yogurt e salatini non sono mancati fino all’ultimo minuto, ma un plauso speciale va alle bottiglie personalizzate con il logo della nostra festa attaccato al posto dell’etichetta della bibita. Non dimentichiamoci la torta scenica, un vero capolavoro sfruttato per un quantitativo di fotografie pazzesco.

Foto di Francesco Loreti

I palloncini gonfiati con l’elio

Allora, tralasciamo pure che qualche palloncino è stato utilizzato da Fidanzato Claudio e soci per modificare la voce e ri-doppiare, con una certa ironia, intere scene de Il Gladiatore. Da Peter Pan sono specialisti dei palloncini, ne troverete di tutti i colori e di tutti i gusti. Anna ha organizzato un’attività molto divertente che abbiamo concretizzato liberando nel cielo una trentina di palloncini azzurri (di varie sfumature) con appesi dei bigliettini riportanti i nostri desideri. Oltre ad essere stato un momento molto divertente, dobbiamo ammettere che l’effetto scenografico era qualcosa di estremamente piacevole alla vista.

Contatti

Se volete organizzare un evento e non siete proprio il re delle feste esiste solo un negozio al quale affidare tutte le fatiche: Peter Pan Party. Una telefonata e non ci pensi più, non ti rimane altro che il diritto di divertirti e di stare con le persone che ami. Se vuoi vedere tutte foto del nostro Baby Shower Hawaiano scorri la gallery!