Il mondo delle mamme? Anche meno

Domani Milo compie 5 mesi e io sono nel mondo delle mamme da un anno. Il mondo delle mamme è un posto nel quale alle volte sono stata felice di stare, mentre altre avrei voluto non averlo mai conosciuto. Fare il solito discorso banale è molto semplice, ma vorrei cercare di metterci un punto anche per quanto riguarda un po’ la mia salute mentale. 


Se ci fosse la ricetta perfetta per crescere bambini perfetti sarebbe venduta a peso d’oro e probabilmente presenterebbe anche dei problemi morali di eugenetica non indifferenti. I bambini crescono da milioni di anni in ogni angolo del mondo, tra le braccia di madri e di padri totalmente differenti tra loro, molti crescono nella fame, nella povertà e nella violenza, pochi invece crescono in un nucleo familiare quasi decente. Perciò, alla luce di questo, tutte le follie delle mamme che devono giudicare quelle che fanno scelte diverse dalle loro (allattamento, pannolini, svezzamento tradizionale o autosvezzamento, baby sitter o maternità facoltativa, …) fanno davvero ridere.

 
E ne ho sentite di robe strane, davvero. Ma alcune anche molto cattive tipo “Io a quella il bambino glielo leverei” e perché? Perché è una mamma di quelle che non scatta appena il bimbo piange. Oppure ho letto denigrazioni insensate verso quelle mamme che usano il ciuccio o quelle che usano il passeggino/carrozzina. Per me è ingiusto e anche molto crudele questo pensiero, per altro non tiene minimamente conto del vissuto di ognuna di noi. Per esempio, qualche mese fa, ho chiacchierato con la ragazza che ha partorito il giorno dopo di me ed era la mia compagna di stanza. Lei mi raccontava che stava dando al suo piccoletto gli omogeneizzati alla frutta. Che dire, il bimbetto aveva tipo tre mesi e mezzo, forse quattro non lo so, e ho semplicemente chiesto il perché. Mi ha raccontato la sua storia e fine. Potevo non essere d’accordo? Potevo aggredirla perché l’OMS dice che blablabla fino a sei mesi solo latte di mamma? No, non era manco nei miei diritti pensare che stesse facendo del male al bambino, tanto che la sua storia giustificava perfettamente quelle scelte e comunque io non sono certo uno specialista per fare valutazioni ulteriori. 


Quindi una mamma magari usa la carrozzina perché con la fascia non si sente sicura e non sta lasciando il suo bambino in un freddo giaciglio abbandonato, lo sta amando come lo amerebbe qualsiasi altra mamma. Un’altra mamma magari è stanca e sfinita e alla centesima volta che il bimbo piange chiedendo interazione lei dice di no, che per cinque minuti può pure piangere perché a lei fanno male le braccia e si deve riposare. Può farlo senza che la si guardi come un’appestata. Così come un’altra può tenere il proprio bimbetto addosso h24 con fascia o senza fascia e ha tutte le ragioni di non avere accolli da parte di chi arriva con le teorie del vizio. 


Fare la mamma  non è una gara, è un’esperienza fatta di scelte e di situazioni uniche e irripetibili. Perciò basta malignare, guardatevi nel vostro piatto e se pensate che una vostra abitudine sia bella, imparate a divulgarla senza denigrare le pratiche diverse dalle vostre.  I pannolini lavabili sono fighi, hanno tanti vantaggi e io non farei mai a cambio con gli usa e getta: tu usi quelli della Pampers? Hanno i loro vantaggi anche questi, ma io ho fatto un’altra scelta con le mie ragioni. Mio figlio non ha compiuto 6 mesi eppure assaggia le cose che riesce ad arraffare sul tavolo, il tuo ancora prende il latte perché non te la senti di fargli assaggiare le cose? Benissimo, probabilmente per il tuo bambino è giusto così, sicuramente lo è per te e tanto mi basta. Io porto Milo in fascia sempre e non uso mai carrozzina/passeggino perché faccio esercizio fisico, lui è più tranquillo e perché mi trovo più comoda con le mani libere, il tuo sta ottimamente nella carrozzina Inglesina che ti ha regalato mamma? Oh che bello, beata te perché l’Inglesina è proprio bella. 


In conclusione, ho scritto questo post perché sono un po’ stanca in generale e perché sono stanca di dovermi sempre giustificare. Ho l’ansia e ogni volta che prendo una decisione interpello 2342345mila specialisti pur di assicurarmi di fare la cosa giusta. Basta, davvero. Non lo voglio più fare, voglio cambiare rotta e cominciare a prendere le decisioni con più leggerezza senza pensare a come poi dovrò giustificarmi con la mammina perfetta di turno. E ho commesso tanti errori anche io, sicuramente ho fatto lo sbaglio di pensare di condividere frammenti della mia vita senza essere messa sotto il microscopio delle miss mamme duemila20.

 
Perciò basta, io di questo mondo di mamme virtuale non ne voglio sapere più niente, mi sono tolta da tutti i gruppi e ho fatto il vento da tutte le chat whatsApp. E da oggi non mi fermerò più a leggere malignità e cattiverie, mi sono davvero stancata. 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...