Quali sono le figure professionali che al minimo servono in una compagnia teatrale?

Una compagnia teatrale è un organismo composto da tante parti. C’è un regista, ci sono gli attori…e poi? Poi c’è un mondo fatto di maestranze e professionalità che permettono alla baracca di andare avanti. Purtroppo le difficoltà economiche, unite forse a una punta di megalomania di registi convinti di essere supereroi multifunzionali, spesso ci portano a decidere di fare a meno di una o più di queste figure, ma quanto è più facile e bello il lavoro con loro? È fondamentale (come in un vero organismo) che tutte le maestranze siano sinergiche, in un continuo travaso di idee che renda omogeneo tutto lo spettacolo in un’opera completa. Questo articolo è dedicato a loro.

Lo scenografo

Lavorare senza uno scenografo è come fare una gara di corse senza un meccanico: ce la puoi fare, ma prega tu non ne abbia mai bisogno. Lo scenografo è quella figura incaricata di disegnare, progettare e realizzare tutto il setting in cui si svolge la rappresentazione: la cornice, certo, ma anche tutto quello con cui gli attori interagiranno (arredamento, oggetti di scena, ecc). Uno scenografo può trasformare radicalmente le sensazioni che una scena trasmette e lo stesso dialogo, ambientato in scene diverse, può portare a risultati sorprendenti. Vuoi mettere Romeo che fa la sua dichiarazione a Giulietta da sotto il bancone o sotto un montacarichi?

Un truccatore

A che serve un truccatore? Chi non è capace di mettere un po’ di matita per sottolineare gli occhi o il fondotinta per nascondere le imperfezioni della pelle? E invece no, un truccatore conosce tecniche quasi magiche sia per trasformare giovani in vecchi, brutti in belli e viceversa, o per creare creature nuove e mai viste. Ma un truccatore abile sa fare quello che nessun altro sa fare: con l’utilizzo di una specifica palette si può trasmettere un messaggio, trasmettendo informazioni sui personaggi che altrimenti rischierebbero di perdersi.

Il costumista

L’abito di scena è una condanna. Ho capito che per un attore spesso è più importante essere “piacevole” alla vista con i suoi vestiti che essere funzionale alla scena. Diciamoci la verità, quante volte gli attori si sono lamentati dei costumi, perché non li valorizzavano, perché erano brutti, e così via? E qui, interviene il costumista. La scelta dei colori, dei tagli dei vestiti, la quantità dei cambi d’abito sono tutti messaggi che un professionista sa trasmettere attraverso il sapiente uso di dettagli che rendono questa figura essenziale.

Il tecnico

La magia del teatro è anche nella luce, c’è poco da fare. Un bravo tecnico della luce e del suono non si limita a fare in modo che gli attori si vedano bene sul palco o che tutti gli spettatori possano godere di una buona acustica. Un taglio di luce, magari colorata, o un leggero riverbero del suono diffuso nelle casse tramite dei microfoni ambientali possono trasformare una scena normale in una scena memorabile.

L’organizzatore

“Allora ragazzi, domani prove” “No, io non ci sono” “Io arrivo mezz’ora dopo” “Io vado via mezz’ora prima” “Io parto per il Messico” “Io il giorno della prima ho programmato una missione umanitaria in Congo”. Per queste e altre mille questioni, tra cui fissare gli appuntamenti con le maestranze, con il teatro, con la Siae, con i musicisti, stabilire il calendario prove, e tutte quelle cose che permettono allo show di andare avanti, c’è bisogno di un organizzatore

Comunicazione, grafica e stampa

“Ciao ragazzi! Stiamo preparando il nostro prossimo spettacolo, venite a vederci!” Pare una stupidaggine, e invece. Tutti quelli che bazzicano nel mondo del teatro sanno quanto è difficile coinvolgere il pubblico fino a convincerlo a venire a teatro. Ebbene, al secolo della società dell’informazione e della comunicazione, avere in squadra un esperto di questo settore può davvero segnare la differenza tra la vita e la morte programmando le pubblicazioni sui social, prendendo contatti con i blogger e perché no, anche con la cara e vecchia stampa, magari supportato da un grafico che sappia creare contenuti accattivanti e in grado di “catturare l’occhio”.

Lisìstrata Offline o Castità | TEATRO ROMA

Ragazzi, ci prendiamo un po’ di spazio per farvi conoscere uno spettacolo esilarante messo in scena dagli amici della Compagnia Teatrale La Corda e la Tela: se siete a Roma dall’8 ottobre … non potete perdervelo!

L’OMS ha catalogato nel 2017 la dipendenza da gioco virtuale come una questione di salute mentale. In questo libero adattamento, la moderna Lisistrata vede la sua vita e quella delle sue amiche stravolta da questa apparentemente innocua malattia che ha colpito i loro mariti. Decide allora di risolvere la faccenda ripercorrendo i passi della sua diretta antenata.

Siamo a Roma e gli uomini si stanno facendo prendere la mano da un gioco di ruolo che li vede impegnati in una guerra senza fine apparente tra Roma Nord e Roma Sud. Le donne, oramai tentate tutte le alternative, decidono di dare un giro di vite alla vita sessuale delle coppie unendo tutte le loro voci in un grido: “Offline o Castità!”.

Le informazioni per lo spettacolo

Teatro Lo Spazio, Via Locri 42/44 RM Info e prenotazioni (anche SMS o whatsapp) 
3394719840-331 4184620 produzione La Corda e La Tela

LIVE Dal 8 ottobre al 13, orari spettacoli:
Da Lunedì a Sabato ore 20:30
Domenica 13 ore 17:00

INGRESSO: è richiesta la prenotazione
Singoli 10,00 € + tessera associativa del teatro 
Gruppi di minimo 5 persone 8,00 € + tessera associativa del teatro
Bambini fino a 10 anni 5,00 €

Evento Facebook: raggiungilo con un click

Cogliamo l’occasione per spedire tantissima merda ai nostri amici, in particolare a Michela, ad Andrea e a Severino Bof, nella piena certezza che anche questa volta, ad aspettarli, ci sarà un pubblico caldo ed entusiasta!

MERDA MERDA MERDA!

La Locandiera – Compagnia Teatrale I Gracchi

La compagnia teatrale I Gracchi porta in scena un classicone della commedia italiana: La Locandiera vi aspetta al TEATRO ELETTRA in via Capo d’Africa 32 dal 5 al 9 giugno.

La Locandiera di C. Goldoni

Pochi non conoscono la trama di quest’opera divertente del nostro amico (e compagno di liceo) Carlo Goldoni. In poche parole però la si può riassumere così:

Mirandolina gestisce la locanda del defunto padre e cerca di far filare i conti a colpi di astuzie che vedono presi come gonzi un manipolo di maschietti leggermente su di giri per lei. La locandiera però è promessa sposa a quel povero Cristo di Fabrizio, il quale però non sembra esser molto d’accordo a passar sempre da cornuto. A far ancora un po’ di casino arrivano tre avvenenti attrici che – fingendosi dame – cercano malamente di ricalcare un po’ la furbizia di Mirandolina senza però ottenere molti benefici. Alla fine un povero scemo di Mirandolina si innamora veramente, ma non sembra prenderla benissimo quando scopre che la locandiera è solo una bravissima profumiera… Il tutto si chiude con una bella zuffa e un matrimonio.

La compagnia teatrale I Gracchi

Squadra che vince non si cambia, al massimo s’allarga. Quest’anno si sono aggiunti due nuovi attori e si sono rimpolpate le fila di un gruppetto già bello nutrito. Claudio Ciccone rimane alla regia e non si schioda, condividendo di tanto in tanto lo scranno con me che nel frattempo interpreto anche una delle tre commedianti (Dejanira). A completare il terzetto troviamo Martina Marotta, la certezza comica della combriccola, nel ruolo di Ortensia e la new entry Camilla De Leo a chiudere il cerchio nel ruolo di Rosella. Mentre il nuovo arrivato Daniele Cicconetti si cimenta nel suo primo ruolo importante, la rosa va ad aprirsi con un attacco collaudato: Angelo Mantini nel ruolo del Marchese, Andrea Lami nel ruolo del Cavaliere, Emanuele Martinelli che interpreta il partenopeo Conte e Giulia Jacopino che conduce le danze nel ruolo di Mirandolina. Come al solito Elena Gradara di Vagamente Retrò cerca di fare in modo di non mandarci in scena in mutande.

La Musica del Maestro Lorenzo Sabene

Quest’anno abbiamo scelto una grande competenza per lo studio e la scelta delle musiche. Il Maestro Lorenzo Sabene, classe 1994. Comincia a studiare chitarra all’età di 10 anni con il Maestro Mario D’Agosto. Lavora in ambito musicale dall’età di 15 anni, frequentando contemporaneamente il liceo classico “Socrate” alla Garbatella e Conservatorio S. Cecilia di Roma. Nel luglio 2018 si  diploma con il massimo dei voti al Conservatorio S. Cecilia di Roma. Attualmente può vantare centinaia di concerti all’attivo a Roma e in Italia e noi siamo super orgogliosi di poterlo vantare come curatore delle musiche della nostra Locandiera.

Come prenotare

Prenotare il vostro biglietto per La Locandiera è semplicissimo, basta mandare un whatsapp al numero 331 269 6999 oppure mandare una mail all’indirizzo compagniateatraleigracchi@gmail.com.

INTERO 13€ – RIDOTTO 8€

Sono previsti omaggi per accompagnatore disabili, mentre i bambini fino ai 12 anni godono del biglietto ridotto. Ricordatevi che in ogni caso il teatro prevede un versamento annuale di 2€ per l’assicurazione (si tratta di un’associazione culturale). I posti non sono numerati (chi prima arriva meglio alloggia!) perciò consigliamo di presentarsi in biglietteria almeno 30 minuti prima dell’inizio dello spettacolo. Il teatro può accogliere massimo 45 persone a serata senza alcuna eccezione. Per informazioni chiamate il numero 331 269 6999.

Alcune indicazioni

Lo spettacolo non supera le due ore (a noi ci piacciono le cose super fast) e per linguaggio e temi trattati sembrerebbe essere adatto proprio a tutti. Hey, strano a dirsi ma non ci sono parolacce! Essendo una commedia per quest’anno potete lasciare a casa i rotoloni di scottex, non morirà nessuno quindi siete liberissimi di affezionarvi ai personaggi senza temere di perderli a metà del primo atto. Il Trono di Spade ci ha ingannati spesso, noi non tradiremo la vostra fiducia. In biglietteria spesso hanno problemi di linea, vi consigliamo di pagare in contanti e di venire abbastanza pronti perché l’utilizzo delle carte potrebbe subire sospensioni improvvise e il primo bancomat disponibile sta a Boccea. Se avete domande stressate pure Claudio a questo numero: 331 269 6999.